Il coso

nexus-7

 

E finalmente scelsi il coso, togliendomi una rogna.
Quest’affare sarà l’hub informativo, in ingresso e in uscita, del viaggio. Devo solo imparare a usarlo. Non pesa niente, pare sia potente, con durata notevole di batteria. Lo schermo è grandicello e definito, riesco a leggere bene sia gli e-book sia le mappe. Qui dentro dovrei caricare l’intero corpus di guide Lonely Planet che un caro amico ha scaricato dal web, e devo riuscire a capire come usare le mappe digitali offline, a meno che qualcuno non mi faccia il gradito regalo di segnalarmi come ottenere mappe digitali sia gratis sia in -almeno – inglese, invece che in tutte le lingue locali come accade con OpenMap. Sia chiaro che in ogni paese attraversato mi recherò alla prima edicola a comprare una mappa cartacea, che poi regalerò. Però con il coso posso fare anche filmati, scaricare le foto dalla reflex (credo), aggiornare il blog, scrivere articoli e tutte quelle robine lì insomma.
Ps: questa non è pubblicità da sponsor, il coso l’ho comprato.

Il coso verrà alimentato dalla dinamo del mozzo anteriore e quindi potrò usarlo anche in luoghi non elettrificati, come per esempio le strade del mondo. Eviterò così di portarmi appresso 44.000 km di cavo elettrico, come prescritto da mia figlia.

Annunci

7 thoughts on “Il coso

  1. suppongo che hai anche un regolatore di tensione e una piccola batteria tampone per alimenta il caricamento del l tablet, altrimenti rischi di fregarlo. Se non vuoi costruirtelo credo ce ne siano in commercio vari.
    La batteria tampone servirebbe solo a che non ci sia un continuo carica/non carica per via delle variazioni di velocita’…. il regolatore di tensione dovrebbe darti tensione costante (iimagino 5v di un normale table).
    tutta roba che entra in un pacchetto di sigarette e pesa pochi grammi.

  2. Riguardo all’alimentazione, confermo che se il mozzo è tipo quelli di Shimano, esce a 6v e nasce per i sistemi di illuminazione. Per un tablet va stabilizzato di sicuro.
    In alternativa in passato ho usato un piccolo generatore eolico con la sua batteria tampone e con al possibilità di affiancarlo a pannellini solari (se ti dovesse servire è buttato da qualche parte in attesa di tempi migliori).
    Riguardo allo scaricare foto, fai attenzione che il nexus ha una memoria di massa di 16 o 32gb ma non ha possibilità di aggiungere altra memoria (potrebbe non essere sufficiente, ma dipende da quante foto fai e da che spazio ti resta una volta caricate le mappe che generalmente sono belle grosse). In ogni caso con qualche piccolo artificio dovrebbe essere possibile collegare al Nexus una pendrive. Potrebbe tornarti utile, se ti servono informazioni sulla rete c’è tutto e comunque puoi contattarmi.
    Ovviamente saprai già che, seppure il coso ha un collegamento 3g, uscito dall’Italia il traffico dati ti costerebbe una cifra spropositata, dunque l’utilizzo online è riservato alle aree in cui hai una copertura wifi.

  3. Pingback: L’assicuratore e il libraio | escoafareungiro

  4. Ti consiglio Locus per le mappe (se vuoi ha anche tutte le funzioni di tracciamento). Puoi scaricare le mappe di tutto il mondo e tenerle offline su schedina di memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...