Una pallida idea della Mongolia che vedo

image

Senza parole per la bellezza intensa di questa terra, popolata da umani di una gentilezza ormai perduta nel paesino dove usualmente vivo, ho provato a fotografare parte di ciò che sto vedendo.

Non sono lontanamente riuscito a fissare la realtà della Mongolia che sto vedendo.

Provo lo stesso a mostrare un traccia, un bignami, del grande Tengri che sovrasta ogni cosa senza opprimere anzi mettendoti l’allegria di un Budda. Il verde che vedete è un velluto naturale che spinge a sdraiarsi non appena possibile. Tentazione enorme, se si viaggia in bici. A cui cedo volentieri.

Ps: appare a volte  nelle foto Florian, un altro cicloviandante, viaggiamo insieme da ieri. È il primo che vedo in strada dall’Estonia.

image

image

image

Ciucca pomeridiana con latte di cavalla fermentato, o airak. Spariti 2 litri in mezz'ora

image

image

image

image

image

image

Per cena: riso, latte di cavalla, pesce secco, cresciutine fritte

image

Accampamento di notte

image

Rota Khan al termine di una delle innumerevoli salite

image

Turiddu in visita ai parenti lontani

Annunci

3 thoughts on “Una pallida idea della Mongolia che vedo

  1. Pingback: Una pallida idea della Mongolia che vedo | storie in bicicletta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...